Pubblicità

Pubblicità

Arte Teatro

Le mostre di ex-voto La Sicilia dei miracoli e REPERTORIO X di Nicola Console, Morgana OFF e ancora libri, spettacoli, laboratori per la settimana del Pasqualino

Imperdibile e rigorosamente quotidiano l’appuntamento con l’esibizione dal vivo dei pupi del Museo Pasqualino, grazie al quale attraverso la pratica e la fruizione continua si garantisce la sopravvivenza di quest’arte antica. Ogni lunedì alle 11, e da martedì a sabato alle 17la sala teatrale del Museo ospiterà colpi di scena, prodigi, incantamenti e duelli, ma anche personaggi come Carlo Magno, Orlando e Rinaldo, Angelica, il mago Malagigi.
Un universo di racconti e personaggi, scaturiti dalla penna di Giusto Lo Dico con la sua Storia dei paladini di Francia, accoglieranno il pubblico di tutte le età con un’unica indicazione: vietato non sognare.

Biglietto: 10 euro (intero) – 8 euro (ridotto)

Prenotazione obbligatoria al numero 091.32 80 60

La Sicilia dei miracoli: ex-voto in mostra al Museo Pasqualino per la rassegna I-Design

Che cosa hanno in comune un progetto ormai pluriennale di design e una mostra sugli ex-voto? Molto più di quanto si creda. Soprattutto se quest’anno il tema di iDesign – il progetto ideato nel 2012 dalla storica dell’arte Daniela Brignone e dedicato alle varie forme del design – è Evoluzione creativa.

di vita, di speranza, di desideri esauditi sono imbevuti, appunto, gli ex-voto della mostra La Sicilia dei miracoli, a cura di Maria Teresa Di Blasi e Rosario Perricone che verrà inaugurata al Museo Pasqualino mercoledì 19 ottobre alle 18.

La mostra – realizzata dal Museo delle Marionette e da BCSicilia Catania, con il supporto della Soprintendenza e dell’Asp di Catania e della chiesa della Madonna della Milicia – ospiterà dieci preziose opere provenienti dal santuario di Altavilla e altrettante messe a disposizione dalla Soprintendenza di Catania.

Raccontano storie a lieto fine ma con un inizio colmo di angoscia e disperazione, questi quadri devozionali commissionati da chi, guarito da una malattia o scampato a un pericolo, decide di ringraziare la Madonna o i santi cui ha chiesto aiuto. E loro sono accorsi nello squallore degli ospedali, nelle stanze da letto, in soccorso di tisici, di bambini in pericolo, perfino di chi è stato investito da un carretto. E che ora ringrazia, con tanto di nome e di data, commissionando attraverso queste opere una rappresentazione dell’angoscia ormai passata, ma fissata per sempre con colori decisi con una grande forza espressiva.

“Gli ex-voto hanno in sé una forte carica di significato e di emozione non solo per la forza di una pittura fortemente realistica, ma anche per il messaggio che veicolano. C’è però un altro aspetto che in questa mostra viene sottolineato. Le opere raffigurano anche pezzi di arredamento del passato e ci dicono molto dei luoghi in cui si viveva. Sono istantanee di storia – afferma il direttore del Museo Pasqualino, Rosario Perricone – che abbiamo ritenuto rilevante riscoprire nell’ambito del progetto iDesign”.

Cultura visuale, nasce un nuovo dottorato

Giovedì 20 ottobre alle 10, alla Sala Magna dello Steri, sarà presentato il nuovo dottorato di ricerca in Cultura visuale, dell’Università di Palermo.

Il nuovo dottorato si propone come progetto formativo di terzo livello capace di incrociare ambiti diversi: Letteratura, Estetica, Storia dell’arte, Teoria dell’immagine, Teoria dei media e Tecnologie del digitale. La Visual culture è infatti quella disciplina che studia gli aspetti culturali dell’esperienza visuale: dalla storia della percezione e degli sguardi ai media, dalle immagini alle istituzioni che le veicolano nel contesto di una determinata epoca e cultura.

Dopo l’evento di presentazione, si terrà la Lezione magistrale di W. J. T. Mitchell della University of Chicago, dal titolo Seeing through Madness: Roman Holiday (visibile in live streaming su piattaforma Teams all’indirizzo https://bit.ly/3MwJCUG

I lavori proseguiranno poi, sempre giovedì 20 alle 17.30, al Museo delle Marionette con la presentazione del volume Cultura visuale in Italia. Immagini, sguardi, dispositivi e, a seguire, alle 18.30, Janice Misurell-Mitchell si esibirà in un Concerto per Flauto e Video performance dal titolo The Speaking Flute.

Venerdì 21, nell’Aula Magna dell’Edificio 15 al Campus Universitario, a partire dalle 10, W. J. T. Mitchell terrà un workshop dal titolo On Metapictures. Interverranno anche Michele Cometa e Valeria Cammarata.

Al Museo… I miti allo specchio

Venerdì 21 ottobre alle ore 18, il Museo delle Marionette ospiterà la presentazione del libro I miti allo specchio: riscritture femminili liberamente ispirate al mito (Mimesis/Eterotopie), a cura di Sara Manuela CacioppoGiovanna Di Marco Ivana Margarese. Introduce Stefano Montes, antropologo, partecipano Sara Manuela Cacioppo, curatrice, Federica Tourn, autrice e giornalista e Antonella Di Salvo, autrice.

Il mito è spesso portatore di un’esperienza di trasformazione e di rigenerazione. Questo volume, che convoglia il lavoro iniziato sulla rivista “Morel, voci dall’isola”, intende trasformare e rivisitare, attraverso la forma racconto, alcuni dei più celebri miti, per restituire la parola a personaggi femminili spesso dimenticati, occultati o marginalizzati.

REPERTORIO X, full immersion nell’atto creativo di Nicola Console

Sabato 22 ottobre, con una doppia inaugurazione alla Galleria Nuvole incontri d’arte alle 17.30, e al Museo Pasqualino alle ore 19.30, si aprirà la personale di Nicola ConsoleREPERTORIO X.

La mostra, a cura di Annalisa Ghirardi e in collaborazione con il Museo Sociale Danisinnisarà visitabile a ingresso gratuito nei due spazi espositivi fino al 30 novembre.

REPERTORIO X è un racconto realizzato attraverso media diversi, dai tre film d’animazione in stop motion – AlavagnaRepertorio x e Registro (che verranno proiettati al Museo) alle installazioni e opere d’arte realizzate dall’artista palermitano, che si esprime con linguaggi artistici plurimi, dalla scultura alla radiografia. Al Museo lo spettatore potrà immergersi nell’atto creativo, entrare in contatto visivo e mentale con l’intero progetto, attraverso i tre film d’animazione, in cui avviene una sintesi grafica e pittorica di tutto il lavoro esposto alla Galleria Nuvole.

La mostra inaugura l’accordo di collaborazione siglato a giugno scorso tra il Museo delle marionette Antonio Pasqualino e il Museo Sociale Danisinni, per la promozione di attività artistiche e culturali dentro e fuori i due musei.

Morgana OFF, Franco Cuticchio sabato a Terrasini

Un festival storico, sempre più amato, che, attraverso gli spettacoli in presenza e in streaming nel periodo più duro della pandemia, ha saputo coniugare tradizione e innovazione conquistando estimatori da ogni parte del mondo.

Quest’anno, il Festival di Morgana sarà preceduto dalla sezione OFF, per abbracciare le periferie, spesso escluse dai grandi eventi culturali, e i paesi limitrofi a Palermo. Un fitto calendario, quello di Morgana OFF, che si svolgerà fino a domenica 30 ottobre con spettacoli in circuito che raggiungeranno le periferie e aree metropolitane, ma anche i paesi limitrofi.

Sono in tutto dieci gli spettacoli di opera dei pupi, a ingresso gratuito, messi in scena da sei compagnie: coinvolgeranno due quartieri periferici urbani (Zen e Brancaccio), sette comuni della costa e dell’entroterra del Palermitano (Bolognetta, Castelbuono, Cefalù, Ciminna, Marineo, Partinico, Terrasini) e l’area archeologica di Solunto.

Gli spettacoli sono tutti preceduti da un’attività formativa, anch’essa gratuita: Incontro con il puparo.

Sabato 22 ottobre 

Compagnia Franco Cuticchio figlio d’arte

17 – incontro con il puparo

18 – La Francia sotto assedio

Terrasini, Museo d’Aumale

Ingresso gratuito

A Parigi, l’imperatore Carlo Magno è preoccupato per l’assedio del terribile esercito barbaro guidato dal re africano Miriante. Carlo Magno riunisce così il Consiglio chiamando a raccolta i cavalieri più valorosi del suo esercito, e comunica loro che, in assenza del Capitan generale e nipote Orlando, sarà Rinaldo, secondo paladino di Francia, a condurre gli uomini in battaglia. Al primo assalto, il nemico viene messo a dura prova dal valore dei francesi e Rinaldo, facendo breccia tra le fila, incontra il re Miriante, lo affronta in duello e lo costringe a cercare riparo nel bosco. Mente insegue il re in fuga, Rinaldo si imbatte in un terribile serpente velenoso che fa sì che Miriante riesca a fuggire. Frattanto, il mago Malagigi, il mago difensore della cristianità, riceve la visita del diavolo Nacalone che lo informa che il nipote Rinaldo, in cerca di Miriante, incontrerà il cugino Orlando, che sta accompagnando la Principessa Angelica nelle sue terre. Tra i due, entrambi innamorati della donna, avrà luogo un duello. Malagigi parte allora per impedire lo scontro. Come predetto da Nacalone, Rinaldo si imbatte in Orlando Angelica e ha inizio il duello. Con tempismo perfetto, il mago Malagigi riesce però a interrompere lo scontro e ricorda loro il giuramento fatto all’imperatore Carlo Magno: combattere per la difesa del regno. I due rientrano dunque in Francia dove, sprezzanti del pericolo, corrono incontro al nemico per dar prova del loro valore. Provocano all’esercito nemico numerose perdite e, nello scontro con Miriante, Orlando lo sconfigge in nome del regno di Francia.

Compagnia Franco Cuticchio figlio d’arte. Franco Cuticchio (Termini Imerese, 1964) appartiene ad una storica famiglia di pupari. È attivo sul palcoscenico fin dall’età di cinque anni, quando intraprende il suo lungo apprendistato come vuole la tradizione: dando la voce ad un angioletto. A otto anni ottiene il ruolo di secondo oprante e inizia a seguire assiduamente il padre Girolamo (1933), suo maestro, in tutti i suoi spettacoli. Alla fine del 2019 Franco riapre le porte del teatro di famiglia, acquistato da Girolamo negli anni Ottanta del Novecento e chiuso dopo oltre dieci anni di attività. Oggi collaborano con lui i suoi due figli, Girolamo ed Helenia, e il padre Girolamo in qualità di presidente onorario dell’Associazione. Franco si dedica inoltre alla realizzazione delle strutture e delle macchine sceniche, alla scultura e all’intaglio del legno e alla costruzione delle armature dei pupi. Ogni membro della famiglia si impegna nella recitazione e nella manovra.

Morgana OFF è organizzata dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino con il contributo di Comune di Palermo – Assessorato alle Culture e in collaborazione con Ministero della Cultura, Direzione generale Spettacolo dal VivoRegione Siciliana, Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo, Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Visite guidate, spettacoli e laboratori per i più piccoli: al Museo tornano Le vie dei tesori

Dall’1 al 30 ottobre tornano Le vie dei tesori al Museo delle marionette. Un programma che abbraccia 5 weekend tra visite guidate, spettacoli di Opera dei pupi e laboratori per bambini.


Visite guidatePer tutti i weekend di ottobre, sabato e domenica, dalle 10 alle (orario continuato, ultimo ingresso alle 17.20) sarà possibile partecipare a una visita guidata alla collezione (durata di 30 minuti, per gruppi fino a un massimo di 30 persone).

Link coupon: https://leviedeitesori.com/risultati-di-ricerca/listing/museo-internazionale-delle-marionette-antonio-pasqualino

Spettacoli tradizionaliAncora sabato e domenica alle ore 17 andrà in scena lo spettacolo tradizionale di Opera dei pupi (costo 8 euro, durata di 45 minuti, gruppi fino a un massimo di 80 persone).

Link coupon: https://leviedeitesori.com/risultati-di-ricerca/listing/07-museo-delle-marionette-pasqualino

Il laboratorio di domenica 23 ottobre: Tadeusz Kantor e i giochi dell’infanzia

Spazio ai bambini con un ciclo di laboratori creativi che si svolgeranno ogni domenica alle 11 (costo 6 euro a partecipante, durata di 60 minuti per un massimo di 10 bambini). L’età consigliata per la partecipazione è dai 4 anni in su. 

«Costruivo le scene con le scatole delle scarpe. Ogni scatola rappresentava una scena diversa. Le scatole erano legate come i vagoni con lo spago. Poi le facevo passare tirandole attraverso una grande scatola con un’apertura (si potrebbe dire la scena teatrale), ottenendo così i cambiamenti di scena. Considero questo il mio più grande successo teatrale». Così scrive Tadeusz Kantor. Traendo ispirazione dai giochi di infanzia del grande drammaturgo polacco, i giovani partecipanti saranno coinvolti nella realizzazione di piccoli automi manovrabili all’interno di scatole di scarpe decorate con applicazioni di legno e metallo. Teatri in miniatura attraverso cui esplorare e scoprire il mondo dell’artista polacco.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: