Pubblicità

Pubblicità

Libri

‘Sulla soglia del filo spinato’, Libridine Editore. Di Fabiana Cusumano e Fabio Gabrielli

Verrà pubblicato il 26 gennaio, un giorno prima della ricorrenza internazionale del Giorno della Memoria, il libro, in formato cartaceo, dal titolo “Sulla soglia del filo spinato”, nato da un’idea e dal lavoro della direttrice culturale del PalmosaFest, Bia Cusumano, e del professor Fabio Gabrielli, filosofo, antropologo, professore universitario, ricercatore, docente  della School of Management dell’Università LUM Jean Monnet, (e già preside della facoltà di Scienze umane a Lugano). Il progetto letterario, pubblicato dalla casa editrice mazarese Libridine, nasce con l’intento di commemorare l’olocausto. “Perché ricordare è un dovere – dicono i due autori-. Il 27 gennaio non è solo il ricordo terribile dell’orrore della Shoah; il nostro lavoro vuole scuotere le coscienze sullo strazio di ciò che sta accadendo ancora una volta oggi, nel 2023. Un altro olocausto, quello dei bambini russi e ucraini. Perché l’uomo non impara purtroppo. Ripete lo stesso copione sempre. È sempre quello della fionda e del sasso come diceva Quasimodo”.  Proprio il 26 gennaio si terrà la prima presentazione del libro, composto da due racconti: quello di Bia Cusumano, che per l’occasione si firma con il nome di battesimo per esteso, Fabiana, e quello del professor Gabrielli.

La copertina del libro è ideata da Peppe Denaro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: