Pubblicità

Pubblicità

Varie

Al via il progetto “Città dei venti e dei mulini a vento” che vede Marsala capofila

Una partnership tra le città d’Italia e del mondo che hanno in comune una risorsa molto singolare e particolare: il vento. Una sorta di “via dei venti”- pensando ambiziosamente all’esempio della famosissima via della seta che ha favorito lo scambio di merci, religioni e culture tra Asia ed Europa- affinché possano essere creati itinerari turistici ed eventi ad hoc in grado di attrarre turisti in città dalle più disparate peculiarità, ma accomunate dall’attrattiva legata agli sport outdoor favoriti dal vento.

È il sogno di Maurizio Pantaleo che, nel progetto che ha voluto nominare “La città dei venti e dei mulini a vento”, immagina la città di Marsala come capofila di un sistema che dovrebbe coinvolgere anche Trapani, Mazara del Vallo, Trieste, Torbole sul Garda, e via via tutte le città d’Europa, e perché no del mondo, che si distinguano per la presenza del vento e dei mulini a vento.

“L’idea è quella di creare un sistema- dichiara Pantaleo- che unisca come con un filo dorato tutte le città dei venti e dei mulini a vento, affinché vengano favorite collaborazioni, scambi culturali e commerciali tra le stesse, venga alimentato un turismo che non conosce stagioni, in grado di incrementare le opportunità di lavoro, e al contempo si promuova uno stile di vita sano partendo dagli sport all’aria aperta”. 

Nel progetto si legge per esempio del Premio Città dei Venti, del Festival dei Mulini a Vento, di fiere nazionali ed internazionali ad hoc, di una conferenza annuale in una città estratta a sorte tra quelle che entreranno a far parte del network. Presentato con dovizia di particolari al Comune di Marsala, ne ha già trovato il sostegno in termini di patrocinio gratuito.

“Dopo l’itinerario Garibaldino e quello Fenicio Punico presentati l’anno scorso alla Bit- ha dichiarato il Sindaco di Marsala, Massimo Grillo- sposiamo con entusiasmo il progetto ‘le città dei venti e dei mulini a vento’ che punta alla destagionalizzazione dell’offerta turistica partendo dalle risorse e dalle eccellenze già presenti sul territorio. Marsala ha ancora tanto da promuovere in termini di offerta culturale, paesaggistica, enogastronomica e di stili di vita. Stiamo lavorando proprio per mettere in rete queste offerte e promuoverle in modo che possano diventare dei veri e propri itinerari”.

Maurizio Pantaleo, già nell’ormai lontano 2002, ci vide lungo quando creò l’attuale asd Le Vie del Vento

pensando al kitesurf come sport attrattore di turismo.

“In questi ultimi venti anni- dichiara Pantaleo- abbiamo visto crescere in maniera esponenziale lo Stagnone di Marsala, sia in termini turistici sia in termini di strutture ricettive e scuole legate agli sport outdoor quali il kitesurf e la vela, che qui hanno permesso una piena destagionalizzazione del turismo. In tanti ci dicono che sembra quasi di essere in un universo a parte rispetto al resto della città, visto quanto è popolato di turisti presenti tutto l’anno. Perché, allora, non pensare di  sfruttare a pieno la risorsa vento creando eventi, workshop, meeting e partnership che coinvolgano più città?”.

Oggi che è Presidente della nuova Associazione “Città dei venti”, Maurizio Pantaleo sta così cercando di mettere le basi per la realizzazione di un sogno più grande che certamente ha bisogno che ci credano più persone, più Comuni, più aziende. Non a caso il primo step previsto è proprio quello di raccogliere più adesioni possibili al progetto, sia da parte di enti ed istituzioni, sia da parte di privati che- tramite apposito form sul sito http://www.cittadeiventi.com- potranno candidare la loro “città dei venti” affinché possa entrare a far parte del network.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: