Pubblicità

Pubblicità

Eventi

Flag Trapanese: a Marsala il focus sulle isole ecologiche e la Legge “SalvaMare”

Dopo i tre appuntamenti organizzati a Trapani, San Vito lo Capo, Mazara del Vallo, oggi a Marsala si è tenuto l’ultimo road talk sulle isole ecologiche per il conferimento dei rifiuti marini del Flag “Torri e Tonnare del Litorale Trapanese”.
Hanno partecipato: Massimo Grillo, sindaco del Comune di Marsala, Oreste Alagna, componente del Cda del Flag Trapanese e assessore al Turismo del Comune di Marsala, Francesco Seidita, progettista e direttore di esecuzione delle isole ecologiche, Giuseppe Laudicina, presidente della Cooperativa Lilybeo, Uccio Mauro, presidente della Cooperativa Azzurra Pesca. Con un video messaggio è intervenuto Michele Li Volsi, testimonial della tappa marsalese.

Abbiamo aderito a questa iniziativa del Flag trapanese perché la consideriamo molto positiva per il nostro Comune in cui la pesca rappresenta un importante settore socio-produttivo. Marsala è stata recentemente decretata una città leader sui temi dell’ economia circolare. Siamo un esempio virtuoso in termini di raccolta differenziata nel territorio regionale e sono orgoglioso dei risultati ottenuti. Questa isola ecologica per il conferimento dei rifiuti marini è un’opportunità. La sua collocazione è provvisoria e l’uso sarà limitato ai pescatori e ai diportisti. Va incentivata la campagna di sensibilizzazione e di prevenzione rivolta ai pescatori”, ha dichiarato il sindaco del Comune di Marsala Massimo Grillo.

Si tratta di un’iniziativa del PAL (Piano di Azione Locale) del Flag “Torri e Tonnare del Litorale Trapanese”, che ha previsto la fornitura e l’installazione di isole ecologiche mobili per la raccolta di rifiuti marini nei quattro comuni del Flag Trapanese, sedi di portualità peschereccia (Marsala, Mazara del Vallo, San Vito lo Capo e Trapani). L’azione è finanziata nell’ambito dell’avviso pubblico di attuazione del PO FEAMP 2014/2020 Priorità 4 “Sviluppo Locale di tipo partecipativo (CLLD) nel settore della pesca”. L’obiettivo è quello di promuovere la raccolta differenziata nei porti, incentivare il conferimento di rifiuti e scarti derivanti da pesca, acquacoltura e diporto ed ancora realizzare seminari e materiali informativi sul territorio per sensibilizzare ad un utilizzo corretto e responsabile delle isole ecologiche, in un’ottica di tutela dell’ecosistema marino e di valorizzazione del turismo. Il Flag Trapanese, con altri finanziamenti del FEAMP, si occuperà anche della gestione di alcuni box nell’antico Mercato di Marsala e sarà attivato un info-point della piccola pesca artigianale”, così ha continuato Oreste Alagna.

In questo momento l’isola ecologica si trova sul lungomare “Battaglia delle Egadi” a Marsala, ma sarà spostata nei prossimi mesi in altra sede.

Durante il talk, il focus si è concentrato sulla Legge “SalvaMare”, approvata l’11 maggio 2022. La Legge “SalvaMare” consente ai pescatori e alle diverse associazioni di settore di raccogliere e portare a riva i rifiuti in mare e di conferirli in appositi spazi predisposti nei porti italiani. Le isole ecologiche per il conferimento dei rifiuti marini sono davvero un punto di svolta se si considera che, fino ad oggi, chi portava rifiuti a riva rischiava di essere sanzionato o di pagare una tassa commisurata al quantitativo.

“La nuova isola ecologica permetterà ai pescatori e ai diportisti di conferirvi diversi tipi di rifiuti, come plastica, alluminio, carta e cartone, reti e materiali residui da pesca, vetro, residuale indifferenziato, batterie esauste, piccoli raee. E’ alimentata ad energia solare ed è dotata di sensori di riempimento e di un sistema disinfettante, è un’isola intelligente”, così afferma Francesco Seidita.

Le cooperative della pesca marsalesi rappresentate da Giuseppe Laudicina, presidente della Cooperativa Lylibeo, e da Uccio Mauro, presidente della Cooperativa Azzurra Pesca, hanno espresso il loro apprezzamento sul progetto: “Da anni attendevamo la realizzazione di un’isola ecologica con queste caratteristiche, siamo ben lieti di contribuire all’attività di tutela e salvaguardia dell’ambiente e del mare. Dopo il progetto “Marine Litter” adesso saremo ben lieti di informare i nostri pescatori sulle modalità di conferimento dei rifiuti marini all’interno di questa isola ecologica”.

Michele Li Volsi, ritenuto uno tra i più interessanti artisti e cineasti italiani con i suoi cortometraggi “La forza di Alice” e “Addio Clochard”, entrambi vincitori su Rai Cinema Channel, è il testimonial della tappa marsalese. Ha concluso l’evento con un forte messaggio ambientalista.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: