Pubblicità

Pubblicità

Varie

Progetto Drop-in: a Marsala e Licata attivi due luoghi educativi di comunità

Il progetto Drop-in – selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – che si pone l’obiettivo di sostenere la transizione alla vita adulta degli adolescenti, aiutandoli e stimolandoli a costruire un proprio progetto di vita – ha avviato il potenziamento e la valorizzazione di due luoghi aggregativi polifunzionali per adolescenti, spazi di ingaggio relazionale educativo.

Si tratta di due luoghi educativi di comunità a Marsala (TP) presso il Centro Sportivo Aggregativo Polivalente G. Umile e a Licata (AG) presso la parrocchia S.G.M. Tomasi.

In questi luoghi – grazie al lavoro della Fondazione Comunitaria di Agrigento e Trapani e del Consorzio Solidalia in collaborazione con la Cooperativa Sociale PEGA, l’Associazione Rugby Femminile Fenici, il Gruppo Scout Agesci Licata 2, l’Azione Cattolica S.G.M. Tomasi di Licata – ragazzi tra i 14 e i 17 anni sono accompagnati nel loro percorso di crescita con varie attività.

Marsala la Cooperativa PEGA, consorziata a Solidalia, ha in gestione a titolo volontario e gratuito il campetto comunale in collaborazione con l’Associazione di Rugby “I Fenici” e l’Associazione di Calcio femminile. Tale campo sportivo è ubicato in Via Istria, una zona caratterizzata da delinquenza, svantaggio economico, socio-culturale e povertà educativa. Le attività prevedono: supporto scolastico, attività laboratoriali, ricreative e socio educative e consulenza psicopedagogica e l’orientamento ai ragazzi e alle famiglie.

Licata nella Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi sono operativi due gruppi di volontari già impegnati in azioni di supporto al quartiere ed ai ragazzi che vi abitano (Agesci e Azione Cattolica).

In città ed in particolare in quartieri periferici come quello Fondachello Playa, presso il quale si trova il luogo educativo ed aggregativo in questione, è forte l’esigenza di una costante “attenzione” dal punto di vista della prevenzione e dell’educazione volti ad evitare fenomeni particolarmente diffusi, di degrado e devianza, anche al fine di migliorare il livello di cittadinanza attiva e di partecipazione sociale. 

Le attività prevedono incontri ordinari settimanali con i ragazzi svolti secondo le metodologie pedagogiche proprie degli scout e dell’azione cattolica, volte a promuovere la partecipazione attiva, la crescita sociale e lo sviluppo integrale e psico-fisico dei ragazzi coinvolti.

In entrambe le città si stanno quindi potenziando due spazi aggregativi polifunzionali per adolescenti, spazi di ingaggio relazionale educativo per trasformare i limiti in soglie, i vincoli in risorse, in collaborazione con alcune realtà locali del territorio proprio per promuovere alleanze educative strutturate e di lungo periodo ed aumentare l’impatto locale per il contrasto della povertà educativa.

Il progetto Drop-in è co-finanziato dalla Fondazione Peppino Vismara ed il capofila è La Grande Casa Società Cooperativa Sociale (MI).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: