Pubblicità

Pubblicità

Libri

E’ uscito il nuovo libro di Lucia Carluccio “Nitida dallo spessore del cielo”

La poesia di Lucia Carluccio non è frutto di una creazione meditata, ma, citando i suoi stessi versi, “nasce nel caos, nella meraviglia del pianto”, nell’impeto del profondo sentire al quale non si può sfuggire.

La realtà oggettiva del tempo è sostituita da quella interiore letta in chiave soggettiva. Tuttavia, spesso, attraverso i suoi testi si assiste a un’esperienza di annientamento dell’Io nel Tutto che non approda a un senso di perdizione, ma di espansione, esaltazione spirituale.

La poesia tende alla ricerca del senso nella fusione cosmica e universale e tale ricerca viene soddisfatta: “Sono piena/ di nomi/ che nascondono/ mondi”. E attraverso ogni parola, i suoi mondi vengono manifestandosi attraverso le immagini simboliche che aprono un sentiero che conduce altrove.

La poetica di Carluccio ruota attorno all’espressione di immagini simboliche e alla loro esplorazione, certa che, quando la mente esplora il simbolo, entra in contatto con idee che sono al di là della ragione.

Se la nostra psiche è parte della natura e i suoi confini sono infiniti, la poesia è una forma evidentemente “finita”, ma che contiene l’infinito. Crearla e leggerla porta a esplorare e esplorarsi. I suoi testi oscillano tra la dimensione del ricordo e quella del sogno: la musicalità dei versi produce un effetto suggestivo e non scontato.

Il linguaggio visionario di Carluccio si serve di analogie e metafore che riducono la comprensibilità del testo utilizzando la razionalità, ma porta a sconfinare nel potere dell’intuizione.

Viene valorizzato l’aspetto traslato delle parole e delle espressioni.

Sono frequenti figure retoriche di suono e di significato che contribuiscono ad accedere “alla piena dimensione mythos, al luogo delle origini, dove la parola stessa si fa respiro” come scrive Eldo Stellucci nella prefazione.

La poesia di Carluccio riprende dalla poesia simbolista l’indagine degli aspetti più misteriosi, ignoti ai più, che il poeta può cogliere grazie alle sue capacità di visionario dietro la realtà apparente. Dal simbolismo riprende anche la dissoluzione delle forme metriche tradizionali.

La conseguenza diretta della poetica di Carluccio è la luminosità e al tempo stesso l’oscurità del testo, la sua inaccessibilità per chi si sforza di inquadrarlo e la sua porta di luce per chi si accinge a varcare la soglia del sublime.

Il contesto storico in cui l’autrice vive, la porta a prendere atto della spettacolarizzazione della cultura, dei mass media e dei social e, senza rifiutare del tutto questo nuovo modo di comunicare rapido e immediato, sente di dover ancor più esaltare il potere della poesia.

In un mondo che corre, la dimensione poetica porta al raccoglimento e alla corsa più avvincente: quella in sé stessi.

Il libro sarà presentato al Salone del libro di Torino.

Informazioni su Lucia Carluccio

Lucia Carluccio nasce nel marzo 1984 in provincia di Lecce. Sin da piccola manifesta una sensibilità estremamente potente che negli anni, in modo spontaneo e naturale, porta alla produzione di testi poetici. La sua produzione cresce negli anni e la porta, dopo la licenza liceale, a laurearsi prima in Lettere moderne e poi in Linguistica. Intanto ottiene vari riconoscimenti e si impegna in attività che vanno dal giornalismo al teatro. Negli anni adolescenziali delle forti esperienze interiori la portano a intraprendere un lungo percorso interiore che le mostra la sua strada: lo studio della psicologia del profondo, specialmente junghiana, la spingerà a unire l’amore per la scrittura con l’indagine personale. Dopo varie pubblicazioni, nel 2019, proprio con un romanzo psicologico junghiano, vince il concorso letterario Dario Abate editore e così nasce “Il cigno e la ballerina” che viene pubblicato nel marzo 2020. Da pochi giorni è uscito il suo libro di poesie “Nitida dallo spessore del cielo” che contiene otto raccolte di poesie che narrano percorsi interiori personali e che si affacciano alla collettività e ai suoi riflessi. Lucia Carluccio fa prender forma al suo sentire che, grazie all’arte, da invadente diventa forza prorompente e produttiva. Il suo libro sarà presentato al salone del libro a Torino. Lucia Carluccio è una professoressa di Lettere presso la scuola secondaria in provincia di Milano dove vive da 11 anni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: