Pubblicità

Pubblicità

Libri

Giovedì 23 settembre Giampiero Cannella presenta a Marsala “L’Italia non gioca a Risiko”

Organizzato dall’Associazione Culturale ‘Ciuri’, con il patrocinio dell’Ente Mostra di Pittura Contemporanea “Città di Marsala”, si terrà giovedì 23 settembre alle ore 19 al Convento del Carmine a Marsala, la presentazione del libro di Giampiero Cannella dal titolo “L’Italia non gioca a Risiko”, un saggio sull’evoluzione dello strumento militare italiano in relazione alle sfide che il Paese deve affrontare in politica estera. Il volume (edito da Giubilei Regnani) esplora con dovizia di informazioni un tema poco considerato dalla saggistica nazionale. La prefazione di Guido Crosetto, già ex sottosegretario alla Difesa, introduce come le Forze armate abbiano attraversato le fasi più complesse della storia recente conquistando la fiducia degli Italiani e la stima degli alleati. Oggi i nostri militari sono impegnati in decine di missioni fuori area e rappresentano una risorsa fondamentale in caso di emergenze nazionali. Nonostante ciò, bilanci sempre più esigui e decisioni estemporanee in politica estera impediscono all’Italia di recitare nel Mediterraneo il ruolo che le compete. Lo spirito de “L’Italia non gioca a Risiko” è intuibile già dal distico che apre il volume e dedicato ad una celebre frase di Lucio Anneo Seneca: “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”. 

Già componente della Commissione Difesa alla Camera, giornalista professionista e scrittore, Cannella analizza nel suo saggio il mondo delle Forze Armate, fondamentale per il Paese, ma troppo spesso trascurato se non osteggiato dalla politica. Dal dopoguerra ad oggi, Esercito, Aeronautica e Marina hanno raggiunto standard qualitativi tali da essere considerati dagli alleati della Nato partner ideali nelle oltre trenta missioni fuori area nelle quali l’Italia è impegnata.  Cannella è coautore del saggio sul pensiero conservatore europeo ‘Rivoluzione Blu’ e autore del romanzo d’azione ‘Task Force 45. Scacco al Califfo’, ambientato in  Afghanistan.  

Collabora con alcune riviste a carattere storico e militare tra le quali “Nova Historica”, “Storia & Battaglie” e “Raids”, ha lavorato per il quotidiano “La Sicilia” di Catania ed è stato redattore del “Secolo d’Italia”. È stato anche capogruppo nella Commissione Straordinaria d’Inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Milan Rhovatin. 

L’autore converserà con la giornalista Jana Cardinale 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: