Pubblicità

Pubblicità

Libri

“La sinistra italiana e il dilemma dei porcospini”. Il libro di Franco Garufi

Verrà presentato il 26 novembre alle ore 19 alla Legatoria Prampolini, a Catania, il libro di Franco Garufi, dal titolo: “La sinistra italiana e il dilemma dei porcospini”.

È trascorso un secolo dal 21 gennaio 1921, giorno in cui la frazione comunista abbandonò il teatro Carlo Goldoni di Livorno e si scisse dal PSI. Cent’anni dopo, l’Unione Sovietica non esiste più, il socialismo reale è rimasto sepolto sotto il muro di Berlino. Tuttavia, nel linguaggio degli scontri a sinistra, a volte il palcoscenico sembra ancora quello del teatro livornese, in una contrapposizione fondata su un mondo – quello dei grandi sistemi ideologici del Novecento – ormai da tempo scomparso. Oggi il capitalismo, dopo l’ubriacatura neoliberista, sembra incapace di far fronte alle crisi da esso stesso generate, ma lo scontro tra le sinistre nella politica italiana continua a oscillare tra nostalgia e frazionismo. Garufi indaga i motivi per cui, mentre cresce il consenso per le destre sovraniste, la sinistra non riesce più a raccogliere le istanze di rinnovamento di una società complessa, impoverita e sempre più corporativa, agitata dai destini di donne e uomini segnati dal succedersi di speranze e delusioni. L’autore tesse i fatti della storia per sollecitare una riflessione collettiva in cui sia possibile scorgere il socialismo in fondo al tunnel.

Un saggio che ricostruisce un secolo di battaglie, passando attraverso le promesse del socialismo reale, lo smarrimento di un Paese dopo la guerra fredda e il crollo del muro di Berlino fino al confronto/scontro tra le diverse anime della sinistra. A partire dal titolo del libro, una citazione di Schopenhauer sui porcospini (metafora degli esseri umani) che allude ironicamente a quelle relazioni nelle quali si cerca di stare insieme senza ferirsi reciprocamente. Eppure, prima di quello stallo perenne tra nostalgia e settarismo, c’è stato un tempo in cui i grandi ideali hanno trovato forza e rappresentanza nel Paese, rinnovandolo dal suo interno. Conquiste e lotte che oggi appaiono confinate a un passato irraggiungibile, complice forse una certa percezione del tempo dilatata e indotta anche dalla recente pandemia. E così i fatti della Storia si intrecciano con il vissuto personale dell’autore, dirigente sindacale, che di una fase di quegli anni è stato testimone. C’è il respiro di un intero Paese che si ferma e sussulta al ritrovamento del cadavere di Aldo Moro, un governo che vacilla, speranze che si frantumano, ma anche battaglie pacifiste che portano la Sicilia in primo piano, come quella contro l’installazione dei missili Cruise a Comiso e, ancora, il dramma dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo. In mezzo, il controcanto di Garufi, la sua percezione del contesto e degli eventi che lo circondano, prima bambino, poi protagonista diretto di alcune di quelle battaglie. Con uno sguardo particolare e partecipe verso una stagione poco indagata del sindacato siciliano, quella del biennio 1960 -’80 che, come ricorda l’autore, ha registrato una particolarità: “Il movimento sindacale siciliano fu chiamato a confrontarsi con problemi di natura assolutamente nuova. Primo tra tutti il rapporto con l’autonomia speciale e il progressivo crescere del ruolo della regione nell’economia siciliana. Con i problemi posti dallo statuto speciale i dirigenti sindacali siciliani si sono confrontati in relativa autonomia rispetto agli stessi partiti di riferimento, naturalmente nei limiti non ampi in cui negli anni della guerra fredda tale articolazione di opinioni era possibile”.
    C’è poi la drammatica transizione dalla prima alla Seconda Repubblica, il suo dissolvimento con l’inchiesta di Mani pulite.
    E, ancora la “rottamazione” di Renzi, il duello con Grillo, lo streaming surreale tra i Cinquestelle e Bersani alla ricerca di un dialogo tra mondi inconciliabili. Volendo riprendere Flaiano diremmo che “La situazione politica in Italia è grave ma non è seria”, soprattutto alla luce di ciò che la sinistra ha attraversato fin qui. E forse, anche tra i porcospini, un modo per vedere la luce in fondo al tunnel può esserci, a costo di fare attrito con gli altri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: