Pubblicità

Pubblicità

Eventi Varie

Alla scrittrice pugliese Daniela Baldassarra il premio speciale ‘Palma Vitae’ contro la violenza di genere

Nell’ambito del Premio Nazionale “Skenè – Città di Marsala”, sabato 17 luglio, la scrittrice e monologhista pugliese Daniela Baldassarra è stata insignita del Premio Speciale ‘Palma Vitae’ contro la violenza di genere per la sua opera narrativa “Dieci Gennaio”, dedicata al tema della violenza assistita. La cerimonia di premiazione si è svolta nel giardino storico del Baglio Anselmi, al Museo Archeologico Regionale Lilibeo – Marsala.  L’opera “Dieci Gennaio” è stata giudicata estremamente evocativa sul tema della violenza assistita e sulle tragiche conseguenze della stessa sulle vite dei figli delle donne che subiscono soprusi fisici o psicologici. Conseguenze tali da congelare per sempre le esistenze, in un tempo senza tempo “dietro quella porta chiusa”.  Questa la motivazione del Premio scritta dalla presidente di Palma Vitae, Giusy Agueli:  
“Grazie per aver portato all’attenzione con questo scritto il delicato tema della violenza assistita, per questa introspezione sulle conseguenze emotive di chi assiste ad una violenza subita dalla madre. Un rimbalzo dicotomico temporale tra un prima e un poi, primavera-inverno, luce-buio, presenza-assenza, vita-morte, amore-odio… odio… amore… e poi? La speranza di un amore che alla fine salva. Il testo ci riporta realisticamente alle difficoltà di chi vive il trauma, alla difficoltà di costruire delle relazioni affettive successive, all’incapacità da soli di rialzarsi da tutto questo. Nel guizzo del ricordo finale la vita ritorna ad essere presente con una bellezza e dolcezza onirica. Cogliamo questo come monito e invito per sensibilizzare alla richiesta d’aiuto come unica strada per un percorso di superamento del trauma”.  
Oltre al Premio “Palma Vitae”, a Daniela Baldassarra, l’associazione a sostegno delle donne in difficoltà, impegnata in campagne di sensibilizzazione a contrasto della violenza di genere, ha voluto consegnare una confezione di bottiglie di vino nate nell’ambito del progetto denominato ‘In Venus Veritas’, ideato dalla regista e attrice Luana Rondinelli, che è stato presentato a Sambuca di Sicilia, uno dei borghi più belli d’Italia, il 29 luglio.  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: