Pubblicità

Pubblicità

Eventi Libri

Il bilancio di “Un Mediterraneo di libri”

Dopo Madre Mediterraneo Festival delle Identità anche la sezione “Un Mediterraneo di libri” ha avuto un successo oltre ogni aspettativa. Con Oltre 4000 presenze,  20 espositori, 20 presentazioni di libri, 2 dibattiti e 1 spettacolo. “Un Mediterraneo di libri”, la kermesse dedicata alle case editrici e alle librerie del trapanese, è stata un successo al di là di ogni più ottimistica previsione. Una rassegna che ha tutte le caratteristiche per poter crescere e diventare un punto di riferimento nel panorama culturale del nostro territorio. Il Chiostro di San Domenico si è trasformato in una vera e propria agorá vissuta da uomini, donne, bambini e bambine; un luogo ideale per aggregare e ospitare iniziative culturali. Il direttore artistico Mariza d’Anna dichiara: “Abbiamo aperto una strada importante in città, quella che guarda con attenzione alla lettura e al libro. Dando spazio alle case editrici locali, che mai lo avevano avuto, alle istituzioni librarie, alle associazioni, abbiamo voluto testimoniare l’importanza della lettura e abbiamo chiamato a raccolta i trapanesi che hanno risposto con entusiasmo e attenzione. Questo ci conforta e ci dà entusiasmo. Il Chiostro è stato un luogo di incontro e di confronto su tanti temi dalla mafia, alla bellezza, dall’archeologia alla città, ai personaggi che l’hanno resa più ricca, al mare. Il primo tassello verso un festival di libri sempre più ricco e partecipato”.     Il sindaco Giacomo Tranchida e l’assessore alla Cultura del Comune di Trapani Rosalia d’Alì dichiarano: “Un Mediterraneo di libri non ha un pubblico, ha una comunità di persone, fatta di gente positiva ed entusiasta. Il pubblico ha partecipato numeroso mostrando passione e attenzione per eventi di questo tipo. Per i tre giorni il Chiostro si è trasformato nella casa dei piccoli e dei grandi lettori, una vetrina per i nostri editori e autori dove mostrare al pubblico il meglio delle produzioni letterarie. Un risultato che sprona questa Amministrazione Comunale a proseguire in questa direzione e a far crescere l’iniziativa“. In un’epoca in cui i bambini imparano prima a usare il touch screen che a sfogliare un libro, “Un Mediterraneo di libri” ha tentato di educare i bambini alla bellezza della lettura e dell’ascolto di una storia, registrando la presenza di oltre 200 bambini, “Un Mediterraneo di libri è stato una mescolanza di incontri, ospiti, idee, storie e spunti di riflessione, una grande festa. Un proficuo risultato frutto della preziosa collaborazione del gruppo di lavoro, con attori pubblici e privati, che ha lavorato con coesione e che ha permesso di proporre un programma interessante” così continua Maurizio Macaluso, coordinatore del progetto. Il Chiostro di San Domenico è stato il ‘luogo’ in cui perdersi, in cui dedicarsi a quell’otium creativo e culturale che ci eleva e ci nutre. La funzione del chiostro ha suggerito la necessità e l’importanza di allontanarsi dai rumori nei quali siamo ogni giorno immersi per recuperare una dimensione che ha permesso di ascoltare la voce della cultura, attraverso il mondo della lettura e dei libri. Il Chiostro di San Domenico si è trasformato in uno spazio emblematico di dialogo e riflessione.  “Siamo molto soddisfatti di questa prima edizione che naturalmente riproporremo, migliorandola e ampliandola, il prossimo anno.  Abbiamo piantato un “seme” di libri per coltivare piccoli e grandi lettori. Parte da qui il lavoro che andremo a sviluppare nei prossimi mesi” così continuano Mariza D’Anna e Rosalia d’Alì. Concetto condiviso e ampliato anche dal sindaco Giacomo Tranchida per la buona riuscita dell’evento.  “Un Mediterraneo di libri” è stato realizzato dal Comune di Trapani – Assessorato alla Cultura in collaborazione con l’Ente Luglio Musicale Trapanese sotto la direzione artistica di Mariza D’Anna, il coordinamento editoriale di Maurizio Macaluso, la produzione di Giacomo D’Angelo e con la partecipazione di Angelo Mazzotta Editore, Di Girolamo, Libridine, Margana, Navarra, Quick, Il Pozzo di Giacobbe, Il Sicomoro, Buk Buk, Biblioteca Fardelliana, Biblioteca comunale di Paceco, Istituto Siciliano Studi Politici ed Economici, Libreria Galli Salve – Ubik Erice, Associazione La Koinè della Collina, Associazione socio culturale “Carlo Scaduto”, FIDAPA di Paceco Terre dell’Elimo Ericino, Nati per leggere, Edizioni Usborne, Amor Librorum, Archivio storico diocesano di Trapani.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: