Pubblicità

Pubblicità

Eventi Teatro

Marsala, V Rassegna ‘a Scurata: in scena “L’assedio di Ilio” e il mito sposa il jazz

Sarà il mito il protagonista del doppio spettacolo che si terrà martedì 23 agosto nel teatro a mare “Pellegrino 1880” con la pièce teatrale dal titolo “L’assedio di Ilio – Tragiche prove di una tragedia” messa in scena dall’associazione culturale Arco dove l’epica incontra e si veste di jazz, la musica della libertà. 

“”L’assedio di Ilio”, vuole essere una riflessione, profonda e a tratti vivace, su ciò che noi viviamo ogni giorno nella nostra vita, rivelando in questo modo che l’epico poema dell’Iliade, non è distante da noi e dalle nostre insicurezze. Con una meravigliosa colonna sonora Jazz, con colpi di scena e momenti di riflessione, il mito ritorna al Teatro a mare “Pellegrino 1880” nel meraviglioso scenario del tramonto alla salina Genna”. Con queste parole l’autore e regista Giacomo Frazzitta racconta come lo spettacolo “L’assedio di Ilio – Tragiche prove di una tragedia” spezzi gli argini di tempo e spazio e renda il mito vicino ai nostri giorni, alle nostre vite. Lo spettacolo si terrà martedì 23 agosto alle 19,30 e poi sarà replicato alle 21,45 nella Salina Genna, nella riserva naturale dello Stagnone, all’interno della rassegna “’a Scurata Cunti e canti al calar del Sole – Memorial Enrico Russo”.

Ad interpretare le mitiche vicende della presa di Ilio saranno: Chiara Vinci, Alessia Angileri, Sergio La Vela e Giuseppe Frazzitta. Mentre musiche e arrangiamenti sono ad opera di Dario Silvia che si esibirà al pianoforte con Aldo Bertolino (tromba), Gianluca Pantaleo (contrabbasso), Fabrizio Parrinello (Batteria) e con la direzione musicale di Bettina Gandolfo, la Scenografia di Giovanni Falco e i costumi di Giusy Curcio e Patrizia Giacalone.

“È sempre una sfida, narrare la storia epica dell’Iliade e, certamente, una scelta che comporta un intenso lavoro, anche sugli attori che lo interpreteranno– continua Giacomo Frazzitta –. Inoltre contiamo sul valore aggiunto di una meravigliosa colonna sonora Jazz, con colpi di scena e momenti di riflessione”

Epica ed etica si incontrano così in uno teatro che è completamente ecosostenibile, fatto di tufi, sale e legno, in una vasca della Salina, nella riserva naturale dello Stagnone, dove lo scenario naturale di uno dei più bei tramonti del mondo si unisce all’arte: alla recitazione e alla musica.

Tra gli interpreti, Chiara Vinci che al suo attivo esperienze attoriali di livello, è stata infatti diretta nel cinema da Paolo Genovese e da Pif e in teatro da Pino Strabioli.

L’appuntamento è per martedì 23 agosto per il primo spettacolo alle 19,30 e per la replica alle 21,45 (biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B). info su https://www.ciaotickets.com/biglietti/lassedio-di-ilio

Lo spettacolo si inscrive all’interno della rassegna “’a Scurata”, ideata e organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala – M.A.C., giunta alla V edizione, che si avvale del patrocinio del Comune di Marsala e dell’ARS – Assemblea regionale siciliana. La kermesse conta anche sugli sponsor: Cantine Pellegrino, main partner degli eventi che dà il nome al teatro “Pellegrino 1880”, unico teatro a mare, completamente ecologico e rispettoso della laguna della riserva naturale dello Stagnone dove gli artisti si esibiscono a pelo d’acqua, ma anche di Zicaffè, Medipower e Imera Imballaggi.

La rassegna è interamente dedicata all’indimenticabile Enrico Russo che ha dato un eccezionale contributo alla crescita della cultura dell’arte e soprattutto del teatro nel nostro territorio.

Di seguito gli altri spettacoli in cartellone:

26.08.22        “…Ed io l’amavo” di Chiara Putaggio con Adriana Parrinello – regia  Francesco Stella – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

L’operato, la missione del sindacalista marsalese ucciso dalla mafia nel 1947, Vito Pipitone, ma anche la sua vita personale raccontate dagli occhi di sua moglie, Filippa Di Dia. Un monologo in siciliano, intimo e sincero – scritto da Chiara Putaggio, interpretato da Adriana Parrinello con la regia di Francesco Stella – dove una donna svela cosa c’è dietro il sacrificio di chi crede nella giustizia. Musiche di Gregorio Caimi per cantare l’anima di quella Marsala, all’indomani dalla seconda guerra mondiale e di una famiglia, di una donna, che “amava suo marito”.

30.08.22        Mario Venuti “SOLO” h. 19,30 – biglietto 25 euro

Mario Venuti suona la sua anima “SOLO”, con chitarra e voce. Strumenti che dipingono i 30 anni di carriera dell’artista catanese, di musica italiana che si intinge nel mondo, che con la sua vocalità abbraccia le sonorità brasiliane e sudamericane. Occasione unica di toccare la profonda identità artistica e umana di un musicista secondo cui “il pop è un termine nobile, che unisce Domenico Modugno e Luigi Tenco, Elvis Costello e i Talking Heads, i Beatles e Lucio Battisti”. Immancabili i suoi pezzi storici, ma anche i nuovi successi nell’arrangiamento più puro, quello in cui sono nati, e proporrà inoltre canzoni che del nuovo disco “Tropitalia”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: