Pubblicità

Pubblicità

Libri

Biblioteca Giufà compie cinque anni. Allo ZEN 8.000 volumi per i più giovani

Un patrimonio librario per l’infanzia e non solo per l’infanzia di oltre 8.000 volumi, quasi 1.500 prestiti a bambini, ragazzi e abitanti del quartiere, decine di presentazioni con autori e autrici, seminari e convegni, laboratori di lettura. E ancora, due edizioni dello Zen Book Festival e un tavolo per condividere risorse ed esperienze di tutte le biblioteche per l’infanzia presenti nel territorio di Palermo.

Sono questi alcuni dei risultati dei primi cinque anni di attività di “Giufà”, la biblioteca di quartiere realizzata dall’associazione Laboratorio Zen Insieme, che oggi festeggia il suo quinto compleanno.

Per la direttrice Mariangela Di Gangi, “troppo spesso l’infanzia e l’adolescenza sono raccontate con un’attenzione alla cronaca, spettacolarizzata ed emergenziale, quando invece occorre costruire, e per fortuna esistono tante esperienze che vogliono dare continuità ad interventi che garantiscano opportunità di sviluppo sociale, relazionale creativo ed emotivo a tutti i bambini e a tutte le bambine, i ragazzi e le ragazze, indipendentemente dai luoghi della città in cui nascono.

Per Fabrizio Arena, presidente di Zen Insieme “i dati Istat dicono chiaramente che la propensione alla lettura, con tutto ciò che questa comporta in termini di crescita personale e sociale, dipende soprattutto dalla disponibilità di biblioteche che diano ai bambini e alle bambine spazi, libri, laboratori. Per noi, aprire gli spazi di “Giufà” ha voluto dire soprattutto mettere a disposizione dei bambini e delle bambine del quartiere uno strumento per crescere insieme e per potersi esprimere già oggi come cittadini. Soprattutto in realtà come la nostra, la lettura è una potente opportunità di relazione e di condivisione tra figlie, figli e genitori, è un’esperienza positiva e piacevole che permette di rafforzare il legame, il senso di sicurezza e di attaccamento.

Per i bambini e le bambini, i ragazzi e le ragazze dello ZEN – conclude Di Gangi – avere a disposizione una biblioteca fornita, ampia e spaziosa è una risorsa inestimabile; uno strumento con cui costruire e migliorare il percorso scolastico e il futuro professionale, con un impatto rilevante non soltanto a livello individuale, ma anche per l’intero contesto economico-sociale.”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: