Pubblicità

Pubblicità

Libri

JACON, STORIA DI UN PARTIGIANO di Antonio Ortoleva in anteprima a Una marina di libri 18 settembre

“Non posso salvarmi da solo”. Con queste parole il partigiano ventenne originario di Isnello Giovanni Ortoleva, nome di battaglia Jacon, rifiutò l’aiuto di un comandante fascista che, in nome della provenienza dallo stesso paese, gli proponeva di indossare la camicia di nera e sfuggire alla fucilazione. Non ebbe dubbi: preferì scegliere la coerenza, l’istinto di onore e di solidarietà umana e morì, dopo una notte di torture, insieme ad altri diciannove partigiani, nell’eccidio di Salussola in provincia di Biella. Era il 9 marzo 1945.

A cent’anni dalla sua nascita e a partire dalla vicenda umana di Jacon, il giornalista siciliano Antonio Ortoleva firma per Navarra Editore “Non posso salvarmi da solo. Jacon, storia di un partigiano” un reportage storico sul crinale degli anni ’40 del secolo scorso ambientato tra la Sicilia e il Piemonte, in particolare tra le Madonie e le Prealpi biellesi. Il libro – in tutte le librerie nazionali dal 24 settembre  – sarà presentato in anteprima a Palermo sabato 18 settembre alle 18:30 nell’ambito del festival Una marina di libri a Villa Filippina, con gli interventi di Angelo Ficarra dell’Anpi Palermo, e della storica Finella Giordano.

La storia del giovane partigiano diventa l’emblema di quella di tutti coloro che, da ogni parte d’Italia, scelsero con fermezza di stare dalla parte della giustizia sociale. Nel ricostruire il contesto e narrare della Resistenza Italiana, viene data voce anche a vicende e personaggi che rimasero ai margini della Storia, come la rivolta anti-tedesca sull’Etna, il professore guerrigliero Antonio Canepa e il Patto della montagna sulle Prealpi biellesi, che aprì le porte ai diritti sul lavoro delle donne in piena guerra e la cui firma sarà poi estesa in tutta Italia.

Il libro riporta in appendice una serie di brevi interventi firmati dall’Anpi Sicilia, dai sindaci di Isnello e Salussola, in un gemellaggio ideale Sicilia-Piemonte, e dal sindaco in carica a anni fa, che riportò a casa le ceneri di Giovanni Ortoleva.

Antonio Ortoleva è un giornalista siciliano, ha lavorato a Milano e a Palermo. Antifascismo e antimafia sono da sempre i suoi campi di interesse e di inchiesta. Ma anche la spiritualità indiana.

Per Navarra Editore ha pubblicato C’era una volta l’India e c’è ancora (2015). Già docente a contratto di giornalismo all’Università degli Studi di Palermo, vive oggi a Catania.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: